Milan Skriniar, il gol del difensore

Quante cose possono cambiare in un anno? Nel calcio, praticamente tutte. 16 settembre 2016, il Milan espugna il Marassi con un gol di Bacca, su gentile concessione di Milan Skriniar. Esattamente 365 giorni dopo, il mondo del difensore è capovolto. Ribaltato, stravolto. La sua doppia giravolta, con un destro rasoterra che passa in mezzo a una selva di gambe e infila Cordaz scongela l’Inter, impantanata a Crotone.

E dire che Milan Skriniar, sempre in campo nelle prime quattro gare (360 minuti su 360, recuperi esclusi), non aveva passato un’estate semplicissima. Questo a causa del costo del cartellino, che l’Inter ha valutato intorno ai 25 milioni. Ma nonostante le polemiche e la brutta esperienza dell’anno precedente, il difensore slovacco non ha mollato ed ha soddisfatto le richieste del mister Spalletti.

“Contento, sì, ma soprattutto perché la squadra ha vinto. Oggi non era facile e non ci siamo espressi benissimo, ma contava la vittoria. Dobbiamo continuare così, lavorando duro e preparando partita dopo partita”. Ha detto Milan Skriniar in conferenza stampa, consapevole di essere al centro dei progetti e delle strategie che l’ex coach della Roma ha in mente per rilanciare l’ Inter.

Quei 25 milioni, origine di tante polemiche da parte dei tifosi che ritenevano superflua la spesa per il difensore slovacco, adesso non pesano più perché un colosso di quasi 1,90 che fa muro in difesa e che segna anche gol decisivi, mette per forza tutti a tacere. Vedremo se l’ Inter riuscirà a trovare il proprio equilibrio sul campo e ritornare al top.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *